Copenhagen, capitale verde e modello per il mondo

0

Copenhagen, capitale verde e modello per il mondoÈ stata nominata Capitale Verde d’Europa per il 2014 dalla Commissione Europea per l’Ambiente, e con tutta probabilità entro il prossimo anno diventerà la prima città al mondo “carbon free”, per il suo piano urbano che sostiene l’uso della bicicletta (40.000 ciclisti ogni giorno e 160 km di piste ciclabili), valorizza il verde pubblico e i percorsi pedonali intelligenti, e promuove un turismo ecologico a cominciare dalle strutture ricettive. Stiamo parlando di Copenhagen, capitale danese e modello concreto di ecosostenibilità e punto di riferimento per le sfide che stanno interessando – e lo faranno sempre di più nei prossimi anni – le città di tutta Europa. Nel nostro continente, infatti, più dei due terzi degli abitanti vivono in città, e buone pratiche come quelle messe in atto a Copenhagen possono servire come ispirazione per un nuovo modo di intendere la pianificazione urbana, la qualità della vita e la crescita demografica.

Cercando le esperienze che sono nate in città negli ultimi anni si incontrano decine e decine esempi significativi di sensibilità ambientale. Come 8 Tallet, ad esempio, un quartiere residenziale progettato dallo Studio BIG che ha vinto il World Housing Building of the Year per il suo concetto rivoluzionario: nessun utilizzo dell’automobile, gestione evoluta dell’energia solare e un tetto verde di 1700 metri quadrati. Oppure il VM Houses, due costruzioni a forma di “V” e di “M” progettate per coniugare la migliore esposizione solare e un ottimo livello di privacy, un po’ come aveva fatto Le Corbusier con la sua Unitè d’Habitation. O ancora il Copenhagen Incinerator, incredibile esempio di come un inceneritore possa diventare un polo attrattivo: “io lavoro con l’idea di sostenibilità edonistica” ha detto Bjarke Ingels, l’architetto autore del progetto, “che è la sostenibilità che migliora la qualità della vita umana e il divertimento”. Per questo, l’edificio – da progetto, il più alto della città – una volta ultimato ospiterà sul tetto addirittura tre piste da sci. Oltre naturalmente a fornire calore pulito a 160.000 famiglie ed energia elettrica a più di 62.000 abitazioni.

Anche la forte vocazione turistica di Copenhagen è ispirata da questo spirito green. Il 63% delle camere d’albergo, ad esempio, è certificato dal punto di vista ecologico e più della metà degli hotel ha una precisa politica di tutela ambientale nella gestione di acqua, rifiuti, riscaldamento, cibo e lavanderia.

Visita la pagina di Copenhagen Green Capital 2014 sul sito della Commissione Europea.

Fonte: Architettura Sostenibile.

Lascia una risposta

Inserisci commento
Inserisci il tuo nome