Ecosostenibilità e futuro per il MUSE di Renzo Piano

1

MUSE di TrentoVerrà inaugurato il prossimo 27 luglio, e sarà molto più di un museo: il MUSE di Trento è stato concepito da Renzo Piano per coniugare armoniosamente scienza, natura e tecnologia, con uno sguardo attento alle questioni più centrali del nostro presente. La grande costruzione che sorge lungo la sponda sinistra dell’Adige nasce infatti come luogo tutto da esplorare e sperimentare: l’interattività, gli exhibit multimediali e i laboratori scientifici renderanno il nuovo spazio espositivo come un’esperienza unica e coinvolgente, da ripetere nel tempo.

MUSE di TrentoMa il nuovo museo delle scienze sarà anche un esempio concreto di un futuro già possibile: il progetto architettonico è di per sé un modello di innovazione, grazie anche alla sua filosofia completamente ecosostenibile. Ne sono un esempio le soluzioni fotovoltaiche realizzate ad hoc, che forniscono energia pulita e rinnovabile a tutto il complesso dell’edificio. Tutti i sistemi sono firmati Thesan, che è stata scelta come partner per l’intero progetto. Thesan è parte del Gruppo Savio ed è nata nel 2008 per estendere le attività del gruppo alle energie rinnovabili e al risparmio energetico in campo edilizio.

MUSE di TrentoI pannelli fotovoltaici sono installati sulla copertura dell’edificio attraverso telai ancorati alla lamiera di rivestimento. Per garantire il massimo della stabilità e dell’efficienza, Thesan ha progettato uno speciale “modulo base” in alluminio estruso, un telaio leggero e resistente capace di adattarsi ai particolari volumi delle diverse costruzioni, la cui forma si ispira alle montagne che circondano la città.

Anche i morsetti di fissaggio sono stati studiati e realizzati appositamente, per ripartire in modo ottimale il peso dei pannelli sulla copertura. Ciascun modulo, poi, è inclinabile singolarmente sino a 15° per un perfetto orientamento, e utilizza celle di silicio policristallino in finitura argentata, in linea con l’estetica del museo.

“È un museo pieno di allegria” ha affermato Renzo Piano al termine dei lavori di costruzione, consegnando alla città il suo nuovo polo culturale. “E’ pensato per essere luogo della conoscenza e per testimoniare anche la fragilità della Terra”. Il direttore del museo Michele Lanzinger spiega poi che “la verticalità dell’edificio si ispira al percorso narrativo dell’esposizione permanente concentrata sulla diversità degli ambienti naturali della montagna. Partendo dall’ultimo piano, dai picchi e dai ghiacciai estremi, e scendendo fino al piano interrato, sotto il livello del mare, i visitatori compiranno un viaggio attraverso i vari ambienti secondo altitudini, habitat e biodiversità”.

Il sito ufficiale del MUSE

Il nuovo museo su Facebook e su Pinterest

Il sito Thesan

1 commento

Lascia una risposta

Inserisci commento
Inserisci il tuo nome